autotrapianto di cellule staminali

Parliamo di cellule staminali ematopoietiche specificando che si tratta di cellule dalle quali si possono originare quelle del sangue. L’autotrapianto di cellule staminali consente al paziente di curare una serie di patologie che andremo ad approfondire.

Il processo di divisione delle staminali ematopoietiche consente la creazione di altre cellule simili. Il processo di maturazione invece le trasforma in altre tipologie di cellule.

Parliamo nello specifico di globuli bianchi che consentono di combattere in maniera efficace le infezioni. Si possono trasformare in globuli rossi che trasportano l’ossigeno o in piastrine che consentono al sangue di coagularsi.

Trapianto midollo osseo o staminali: a cosa serve?

Principalmente il trapianto di midollo osseo o di cellule staminali serve a ricostruire la dose di staminali corretta nel paziente. Questa può essere compromessa in seguito a dosi massicce di chemioterapia o radioterapia.

Vediamo invece nello specifico le tre tipologie di trapianti che possiamo avere:

Nel trapianto autologo il paziente riceve le proprie cellule staminali

Nel trapianto singenico il donatore è il gemello omozigote.

Nel trapianto allogenico il paziente riceve cellule che provengono da un consanguineo tipo un fratello o una sorella.

Autotrapianto di cellule staminali e cellule tumorali

Cerchiamo ora di capire meglio perchè vengono utilizzate la chemioterapia e la radioterapia per combattere le cellule tumorali. Un paziente affetto da tumore subisce un processo di divisione di cellule tumorali molto veloce.

La chemioterapia cerca di colpire questo meccanismo ma distrugge nello stesso tempo il midollo osseo. Il midollo osseo ha la capacità di trasportare ossigeno e combattere in maniera efficace le infezioni.

Un paziente con un midollo osseo compromesso non ha di fatto difese immunitarie contro le infezioni.

Queste tecniche vengono utilizzate per curare una serie di patologie specifiche quali la leucemia e determinati linfomi.

Cosa accade dopo il trapianto di cellule staminali?

Le cellule staminali entrano in circolo nel midollo osseo e iniziano a produrre nuovi globuli bianchi. Questa fase viene anche definito innesto e viene attentamente monitorato dai medici.

Parliamo adesso di doppio trapianto

Parliamo di un trapianto di natura autologa mirato a curare differenti tipi di tumore. Dopo aver ricevuto una dose elevata di chemioterapia, il paziente riceve un primo trapianto. Successivamente una seconda dose di chemioterapia e a un secondo trapianto.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,,

Comments are closed