cancro, intervento risolutivo alla prostata!

Cancro, intervento alla prostata con il sistema Da Vinci!

Una delle forme di cancro più diffuse nei paesi occidentali è quello legato alla prostata, ogni anno colpisce una parte della popolazione maschile, una forma tumorale che in termini percentuali di decessi rappresenta la seconda forma di cancro. Per fortuna la tecnologia messa a disposizione per gli specialisti che devono eseguire l’invervento migliora ogni anno.

cancro, tumore alla prostataIn questo modo è possibile garantire al paziente un decorso post operatorio meno dololoroso e più breve, consentendo di dimettere la persona in tempi più brevi. Per fortuna quando si parla di cancro, di qualsiasi forma e gravità, esistono in Italia strutture di eccellenza che compiono ogni giorno progressi notevoli nella cura di queste gravi patologie.

Il San Raffaele è una struttura di eccellenza del paese, un polo molto importante che fa della ricerca uno dei suoi obiettivi.La notizia di oggi riporta una notizia molto positiva legata alla cura del tumore alla prostata. Per la prima volta in Italia è stato realizzato un intervento di prostatectomia radicale robotica su un paziente di 56 anni affetto da tumore alla prostata.

Fino a questo momento la procedura utilizzata prevedeva  l’utilizzo del sistema robotico Da Vinci, sul paziente venivano praticate sei piccole incisioni , una riguardava l’ombelico, le altre cinque incisioni  venivano praticate all’addome. L’intervento è stato eseguito dal Professor Franco Capoardi esperto di chirurgia urologica mininvasiva.

La nuova procedura prevede l’utilizzo sempre del sistema robotico DaVinci ma a differenza di prima, il numero delle incisioni per l’asportazione della prostata e dei relativi linfonodi viene ridotto a  una sola. In questo modo è possibile ridurre il dolore post operatorio che il paziente avverte.

Altro elemento positivo è legato al tempo di permanenza all’interno della struttura ospedaliera. L’intervento riduce decisamente i tempi di ricovero, dando un benessere anche di tipo psicologico al paziente.

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed