Cecità cura con microchip al san raffaele

Cecità cura, la tecnologia e il San Raffaele in prima linea!

La tecnologia evolve facendo veramente passi da gigante, per questo motivo viene sempre maggiormente applicata alla medicina, un connubio che nel corso degli anni ha portato a grandi passi in avanti. Fino a poco tempo fa non esisteva una cura per la cecità, nella sua forma più grave non lasciava alcuna speranza alla persona.

Per fortuna la ricerca e la tecnologia hanno creato nel corso degli anni un sodalizio sempre più stretto e questo ha consentito nel corso del tempo di arrivare a sviluppare cure nuove per risolvere o guarire patologie considerate da sempre incurabili. Il San Raffaele è da sempre un centro di eccellenza nell’ambito della ricerca medica.

L’unità oculistica e Oftalmologia dell’Ospedale San Raffaele sarà il primo centro in Italia a impiantare nell’occhio di un paziente affetto da cecità in età adulta un microchip di nuova concezione.

Cecità cura, microchip prodotto da un’azienda tedesca!

Prodotto da un’azienda tedesca che si chiama Retina Implant Ag, si tratta di un dispositivo in grado di ricreare una visione artificiale e sostitutiva a quella dell’occhio molto evoluto. Parliamo di un microchip in grado di ridare la percezione delle forme e degli oggetti presenti nello spazio circostante a soggetti ammalati di patologie come la retinite pigmentosa che si manifesta tipicamente in età adulta.

Cerchiamo adesso di capire maggiormente nel dettaglio su come si basa il meccanismo di funzionamento di questo chip. Vengono completamente sostituiti i fotoricettori della retina che sono le cellule che servono per vedere. Il microchip è grande 3 millimetri e al suo interno sono presenti circa 1500 sensori.

Inserito al di sotto della retina è in grado di mandare uno stimolo al circuito nervoso che collega l’occhio al cervello. Riesce in questo modo a sostituire l’attività delle cellule malate non più funzionanti.

Una sorta di occhio bionico in grado di ripristinare la percezione visiva per adesso limitato alla cura di patologie in età adulta e su soggetti che non presentano traumi pregressi.

 

Categories: Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed