cellule staminali, cervello danneggiato

Uno degli organi più importanti per il corretto funzionamento di tutto il nostro corpo è il cervello in grado di coordinare i meccanismi di funzionamento del nostro corpo e fa in modo tale che tutto funzioni come dovrebbe. Potremmo anche definirlo il grande architetto del nostro corpo, piccolo e complesso.

cellule staminali neuraliLe staminali e il loro utilizzo ha aperto la strada alla cura di molte patologie presenti, attualmente anche in Italia la sperimentazione prosegue nonostante il caso Stamina abbia gettato una luce meno nobile sull’uso delle cellule staminali, proseguono trial medici, sperimentazioni molto serie per dare domani nuove cure.

Ancora oggi, per quanto la ricerca abbia fatto passi da gigante nella comprensione del cervello e del funzionamento delle sue aree, non esiste una cura che permetta di riparare le lesioni celebrali. Aree che una volta compromesse a loro volta limitano fortemente l’autonomia del soggetto e la sua vita.

Cellule staminali e metformina

Una speranza arriva dalle staminali, in modo particolare lo sviluppo di strategie mirate alla sostituzione cellulare per riparare aree fortemente lesionate del cervello. Esiste un gruppo di cellule molto importanti chiamate PNG, abbreviazione di cellule progenitrici neurali.

Questo gruppo è molto importante, da recenti studi sembra proprio siano in grado di riparare aree del cervello lesionate, questo gruppo unito a un farmaco per la cura del diabete di tipo 2, sembrano essere in grado di riparare e rigenerare intere aree del cervello.

Il farmaco in questione si chiama metformina e va a incidere in aree lesionate del cervello adibite al movimento.

Una recente ricerca ha cercato di determinare quanto questo farmaco incida veramente sul ripristino della funzionalità senso motoria danneggiata. Il trattamento con metformina provoca un aumento assoluto di Npc endogeni.

Queste osservazioni sono molto promettenti per lo sviluppo di interventi terapeutici nelle lesioni del cervello infantili.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,

Comments are closed