Cellule staminali, processo di inversione

Uno dei campi più complessi che l’ambito delle staminali studia è quello legato alle cellule staminali neurali, oggi come oggi, in presenza di gravi danni neurali, risulta difficile pensare a un processo di delle cellule neurali, uno dei problemi più grandi con i quali il campo della medicina si scontra, una sfida.

cellule neuraliLe cellule neurali adulte hanno già una loro struttura formata, non è tecnicamente semplice pensare di poter riportare queste a  uno stadio precedente, in pratica le neurali adulte rappresentano una condizione matura della cellula.

Uno stadio di cellule staminali neurali, rappresenta invece uno step precedente, è molto difficile invertire il processo e portare la cellula a una condizione precedente.

cellule staminali, rigenerazione delle neurali

In vitro, utilizzando dei topi, la ricerca attuale sta cercando di creare le condizioni per riprogrammare le cellule neurali e portarle a una condizione precedente, ricerche precedenti in vitro hanno dimostrato che diversi tipi di cellule somatiche, comprese l’astroglia e periciti di origine celebrale, possono essere direttamente convertite in cellule neuronali.

La condizione del laboratorio e le condizioni asettiche che sono presenti, non riproducE  le variabili che si potrebbero creare se questa sperimentazione, fosse un giorno condotta sulle cellule neurali dell’uomo, la scoperta veramente interessante è legata al fatto che si è potuto dimostrare che le cellule di origine pericitica, possono isolate dalla corteccia celebrale adulta, possono essere riprogrammate in neuroni funzionali tramite la combinazione di Sox2 e Ascl1.

Un processo complesso che trova un grande ostacolo, quello delle lesioni celebrali, in presenza di queste diventa molto difficile pensare di creare processi di rigenerazione che coinvolgano la formazione di cellule neurali staminali in grado di rigenerare la lesione celebrale stessa.

Parliamo di traumi come ictus, infatti la corteccia celebrale lesa, ostacola questo processo, si parla sempre di esperimenti condotti sulla corteccia celebrale del topo, i meccanismi nel cervello umano sono analoghi, la vera sfida è cercare di superare questo limite e riuscire a produrre staminali neurali anche da una corteccia celebrale lesa.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,

Comments are closed