cellule staminali quali malattie possono curare

Fare chiarezza sulle staminali!

La prima domanda che mi farei non conoscendo la materia è le cellule staminali quali malattie possono curare. Abbiamo approfondito la differenza tra trapianto autologo e allogeno.

Cercando sempre di mettere in luce in modo chiaro i pro e i contro di entrambi i trattamenti. La domanda che ora ci poniamo è se esista una tabella che evidenzia quali sono le patologie curabili e quante sono.

Il Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali riconosce l’utilità del trattamento con le staminali, specificando che il prelievo di staminali ematopoietiche si è rivelato prezioso per la cura di diverse malattie.

Cellule staminali quali malattie possono curare: tabella ufficiale!

Il documento riconosce l’interesse e l’impegno della comunità scientifica per analizzare nuovi possibili scenari dove utilizzare le staminali. Tuttavia ad oggi, nuovi percorsi terapeutici di cura appaiono ancora molto lontani.

Per questo motivo è importante partire dell’elenco delle patologie che oggi invece si possono curare con le staminali.

Vediamo nel dettaglio le indicazioni di natura clinica per le quali c’è ormai un utilizzo consolidato delle cellule staminali ematopoietiche.

cellule staminali quali malattie possono curare: Leucemie e linfomi.

Partiamo dalle leucemie e linfomi, vedendo nello specifico quelle che possono essere curate.

Leucemia linfoblastica acuta, parliamo di un tipo di tumore di natura maligna progressivo. Si presenta in forma molto rara, ancora oggi ne sono sconosciute le cause anche se si parla di un problema legato a mutazioni del dna.

La leucemia mieloide acuta è una neoplasia delle cellule del sangue caratterizzata dalla crescita anomala di globuli bianchi che presentano una struttura modificata e interferiscono con la produzione di cellule del sangue normali.

La leucemia acuta bifenotipica è una forma molto rara che spesso viene confusa con la mieloide acuta. I sintomi che presenta il paziente sono gli stessi; stanchezza, febbre, pallore.

Linfoma di Hodgkin un a forma tumorale generata da linfociti b, a differenza di altre leucemie, presenta la caratteristica di avere una massa evidente e distinta e non diffusa nel sangue.

La mielofibrosi idiopatica cronica è una forma tumorale cronica del midollo osseo. La sua origine è legata alla modifica del Dna di una cellula staminale. La causa della modifica può essere legata a luoghi di lavoro in cui sono presenti agenti pericolosi e nocivi.

Il mieloma multiplo è una patologia tumorale che colpisce soprattutto pazienti anziani che hanno solitamente un’età superiore ai 50 anni.


cellule staminali quali malattie possono curare: l’Anemia di Fanconi

L’Anemia di Fanconi è una malattia molto rara che si caratterizza per la sua interazione con il midollo osseo. Agisce in maniera tale da bloccare la produzione di globuli rossi, bianchi e piastrine.

L’Osteogenesi imperfecta è una malattia di natura genetica dove sono presenti delle anomalie nella sintesi del collagene. Questo crea chiaramente problemi allo scheletro, alle articolazioni, alla cute e ai denti.

Il neuroblastoma è un tumore maligno che colpisce i bambini. Nel momento in cui viene scoperto purtroppo è già in atto il processo di metastasi e questo rende ben poco efficace la chiemioterapia. Non si conoscono ancora le cause, tra le possibili cause abbiamo l’età della madre, la presenza di ipertensione nel genitore.

Per tutte le persone interessate che volessero approfondire la lettura del documento riportiamo per esteso il link:

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2009/12/31/09A15290/sg

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,

Comments are closed