FUNGO ALLUCINOGENO E CANCRO

Fungo allucinogeno e cancro: quali interazioni?

Cercare di alleggerire il carico psicologico di stress che i pazienti affetti da cancro hanno è un obiettivo al quale la scienza sta lavorando da molto tempo. Ansia e depressione sono due delle sfumature emotive che coinvolgono tutte le persone alle quali viene diagnosticata una qualsiasi forma di cancro.

Il fungo allucinogeno può in qualche modo alleggerire questi stati d’animo? Un recente studio condotto su un campione di pazienti e pubblicato sulla rivista americana Journal of Psychopharmacology sembra proprio andare in questa direzione. La psilocibina, una sostanza contenuta nel fungo sembra proprio lenire questi stati d’animo.

Le persone che si ammalano di cancro hanno in maniera frequente sintomi di angoscia e depressione, spesso queste sintomatologie durano mesi e possono interessare anche persone che hanno superato la malattia.

Lo studio condotto dai ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora ha riguardato 80 pazienti a cui è stato diagnosticato il cancro. I ricercatori hanno somministrato ai pazienti una dose di psilocibina alternandola a un placebo con un intervallo temporale pari a 5 settimane.

Nei test condotti la psilocibina ha diminuito in maniera significativa disturbi legati all’umore quali ansia e depressione. Questo si è tradotto nei pazienti con un aumento del grado di accettazione della propria condizione. Un moderato senso di ottimismo e una volontà più ferma di reazione nei confronti della malattia, sono i risultati dello studio.

Fungo allucinogeno, dati da confermare!

Per poter valutare come attendibili questi dati occorrerà avere e raccogliere dei dati maggiormente oggettivi. La scienza ha bisogno di evidenze empiriche e non può basarsi solo su sensazioni raccontate da un gruppo di pazienti.

Al di là di tutto, non è ancora oggi chiaro come la psilocibina possa sortire questo effetto sui pazienti. La sensazione che i pazienti affermano di aver provato è quella di un diffuso senso di connessione globale.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed