Il cervello umano e i giochi online: quale rapporto?

Il cervello umano e i giochi online: sviluppo e crescita!

Il cervello umano ha un suo sviluppo, a seconda degli stimoli che riceve tende a sviluppare alcune aree rispetto ad altre, spesso abbiamo sentito dire che i videogiochi sono sicuramente un male. Rendono le persone adrenaliniche, spesso distratte, svogliate e lontane dalla realtà di tutti i giorni.

La domanda vera è quanto ci sia di autentico in queste affermazioni, giocare ai videogiochi crea veramente dei danni al cervello? Modifica veramente il carattere delle persone e le rende completamente alienate dal mondo nel quale vivono?

Se guardiamo al passato e leggiamo articoli e pareri di esperti sentiremo affermazioni che non sono certo a favore dei giochi online in generale. La bellezza della scienza però è proprio quella di poter evolvere, di cambiare il modo di vedere le cose e percepire gli eventi e la realtà finale che ogni giorno vediamo e sperimentiamo.

Il cervello umano e i giochi online: studi recenti rivoluzionano il percepito!

I ricercatori e recenti studi hanno evidenziamo come l’utilizzo dei videogiochi possa influenzare direttamente la struttura del cervello. Si parla di una caratteristica principale la sua plasticità, parliamo di quella capacità di questo organo di modificare la sua struttura fisica.

Per comprendere come io gioco possa modificare la struttura del cervello in senso positivo, i ricercatori hanno condotto un esperimento preciso. Hanno chiesto  a circa una ventina di persone di giocare a Super Mario 24 per circa 30 minuti al giorno per due mesi.

Lo strumento utilizzato per rilevare i mutamenti nella struttura del cervello è stata la risonanza magnetica. Il confronto con un campione di persone che non hanno giocato ha mostrato dei risultati precisi e molto chiari. Le persone che hanno giocato, hanno avuto un incremento notevole di materia grigia.

Le aree del cervello interessate allo sviluppo della materia grigia erano fondamentalmente tre. La zona dell’ippocampo, la corteccia laterale destra e il cervelletto.

Sono aree principalmente adibite allo sviluppo memoria di lavoro, della pianificazione.

In base ai risultati emersi da questo studio, i ricercatori ritengono che i videogiochi potrebbero aiutare a contrastare lo sviluppo di malattie come l’Alzheimer. Altri tipi di gioco, come ad esempio il blackjack online, possono favorire lo sviluppo di concetti matematici, come la probabilità.

Di fatti gli studi in materia mettono in evidenza un elemento molto importante. Non è il gioco online o l’utilizzo di videogiochi a creare danni o problemi alle persone. Il problema è legato al loro abuso, senza alcun tipo di controllo.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed