Cellule staminali: creata banca dati!

Cellule staminali: mapparle per utilizzarle!

Le cellule staminali rappresentano una grande ricchezza, un patrimonio di carattere genetico in grado di rigenerare tessuti, riparare in un futuro non troppo lontano organi. Le staminali potrebbero rappresentare il futuro della ricerca medica e anche il presente. Se ne conoscono sempre più a fondo le capacità rigenerative e le proprietà.

Un tema complesso che apre anche scenari di tipo etico per il loro utilizzo e la loro manipolazione. Il prelievo di staminali dal sangue cordonale e il loro utilizzo dona speranza a persone affette da patologie rare, per le quali ancora oggi la medicina ufficiale non ha a disposizione cure valide.

Cellule staminali: a disposizione della ricerca medica!

Quello che fino a questo momento non era ancora stato fatto era cercare di mapparle tutte, creando una sorta di “cartina geografica” delle staminali presenti al mondo. Cercare di ricavare la più grande “biblioteca” delle staminali   ottenendole da donatori sani.

Ci sono voluti esattamente quattro anni per creare questa grande collezione, un modo per aiutare l’industria dei farmaci e la ricerca e per riuscire a studiare malattie e molecole in grado di combattere le patologie in maniera efficace.

In questo modo gli studiosi di tutto il mondo sono riusciti a studiare in maniera attenta e nel dettaglio le staminali di persone sane, riuscendo in questo modo a ottenere molte informazioni. Una grande banca dati, di grande qualità, in grado di fornire molte informazioni.

La mappatura è stata poi resa disponibile a gruppi più ampi di ricercatori, un progetto molto importante, nato per cercare di costruire modelli di cellule di numerose malattie. Parliamo di cellule staminali pluripotenti, il processo per riuscire a generarle è molto lungo e complesso.

Per riuscire in questo progetto sono state stati coinvolti circa 300 volontari ai quali sono stati prelevati campioni di pelle tramite delle biopsie.

Da ogni persona sana al quale è stato prelevato un campione di pelle, sono state ricavate almeno più linee di staminali, in questo modo si sono potute ottenere informazioni maggiormente dettagliate sul genoma e le proteine.

 

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed