Proprieta anacardi: perchè consumarli

Proprietà anacardi: un’alternativa alla frutta secca!

In Italia sono poco conosciuti, eppure fanno parte a tutti gli effetti della frutta secca, anzi possono essere considerati una valida alternativa al loro consumo. A parte parlare di proprieta anacardi e del loro consumo è sicuramente importante fare un approfondimento e capire meglio di cosa stiamo parlando.

Quali sono i vantaggi nel consumare questa particolare tipologia di frutta secca? Quante calorie contengono e soprattutto presentano particolari controindicazioni quando vengono consumati? Le prime domande che ci vengono in mente sono queste, se pensate un attimo al classico “burro di arachidi” molto consumato negli Stati Uniti e meno conosciuto da noi, con gli anacardi ne possiamo produrre una valida alternativa: il burro di anacardi.

Proprietà anacardi: le sostanze presenti all’interno

Vediamo adesso nel dettaglio quali sono le sostanze che sono contenute all’interno e il loro valore nutrizionale. Gli anacardi presentano al loro interno differenti tipologie di sostanze che hanno un elevato valore benefico per il nostro organismo e non presentano controindicazioni.

Parliamo di grassi definiti buoni, ad esempio ogni frutto presenta una quantità notevole di acido oleico, lo stesso elemento che possiamo ritrovare nell’olio di oliva e che viene spesso associato al mantenimento di una buona funzionalità cardiaca.

Tra gli elementi che possiamo trovare dentro agli anacardi ricordiamo anche il magnesio, un minerale molto importante nel nostro organismo, deputato al controllo di una serie numerosa di reazioni di carattere biochimico.

Le loro proprietà sono innumerevoli, ad esempio al loro interno è presente una sostanza che possiamo definire una sorta di antenato della serotonina: il triptofano.

Il loro consumo quindi può avere degli effetti positivi sulla qualità del nostro umore. Alcune recenti ricerche sono arrivati a definirli dei veri e propri antidepressivi naturali. Alcuni addirittura sostengono che possono tranquillamente sostituire antidepressivi di origine chimica.

Al loro interno sono presenti anche sostanze di natura antiossidante, in particolare una la zeaxantina una sostanza colorante naturale di colore giallo, appartenente alla classe delle xantofille. La caratteristica più interessante di questa sostanza è quella di riuscire ad assorbire le radiazioni solari in eccesso che possono interferire nel processo di fotosintesi.

Nell’uomo questa particolare sostanza è in grado di proteggere le cellule della retina dal loro decadimento. Questo processo è legato alla perdita di vista e alla progressiva cecità nelle persone anziane.

Un altro beneficio non indifferente è quello legato alla capacità di assorbire lo zucchero, aiutando le cellule, una caratteristica molto importante per combattere in maniera efficace il diabete di tipo 2.

Se questo non bastasse a convincervi che il consumo di anacardi è consigliabile, vi diciamo subito che se li paragoniamo ad altro genere di frutta secca il loro livello di grassi è decisamente inferiore oltre a non avere al suo interno colesterolo.

Consumo di anacardi: esistono controindicazioni?

Al momento non si conoscono particolari controindicazioni legate al consumo degli anacardi, una cosa importante alla quale è necessario prestare attenzione è sicuramente la presenza di allergie o intolleranze che potrebbero causare alla persona reazioni piuttosto serie.

Se si assumono farmaci specifici è sempre consigliabile consultare il medico per avere un parere.

 

 

 

 

 

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed