quale interazione tra aterosclerosi e vaccini ?

Aterosclerosi e vaccini in che modo interagiscono tra di loro?

Come abbiamo spesso detto, il corpo umano presenta una struttura piuttusto complessa e non sempre di facile decifrazione, allo stesso modo il complesso mondo dei batteri presenti nella flora intestinale è spesso causa di patologie conosciute ma non sempre di facile cura come l’aterosclerosi.

La medicina e la ricerca attraverso gli studi condotti cercano di far luce sulla complessa interazione presente tra gli stati infiammatori del tratto intestinale e l’alimentazione che ogni giorno introduciamo nel nostro corpo. La dieta occidentale, ricca di grassi e povera di fibre causa un’alterazione della flora batterica favorendo in questo modo la crescita di determinate popolazioni di batteri in sfavore di altre.

La ricerca condotta da alcuni ricercatori del San Raffaele con il contributo dell’Università dell’Insubria indaga proprio questa stretta interazione tra la flora intestinale batterica e il sistema immunitario dell’organismo che lo ospita.

Lo scopo dello studio e del vaccino è quello di combattere in maniera efficace queste alterazioni e queste malattie genetiche, cercando di fornire una risposta definitiva ed efficace per tutte quelle persone che ne sono affette. Il problema dell’insorgenza di malattie come l’aterosclerosi è di fatto legata alla presenza di determinati batteri in sovrannumero nella flora intestinale.

L’intuizione dei ricercatori del San Raffaele è andata proprio in questa direzione.  Immunizzare l’organismo in relazione a questi batteri presenti in numero eccessivo, stimolando la produzione di globuli bianchi in grado di modulare la risposta immunitaria e ridurre in questo modo il processo infiammatorio.

I risultati ottenuti fanno ben sperare e magari in futuro sarà possibile la messa a punto di vaccini più mirati ed efficaci, in grado di combattere in maniera efficace le conseguenze delle cattiva alimentazione alla quale molte persone in maniera consapevole o inconsapevole, sottopongono ogni giorno il proprio organismo.

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed