Ricerca sul cancro, tumore al cervello

La dinamica dei tumori al cervello e in modo particolare di alcuni che colpiscono un soggetto con maggiore aggressività è legata fondamentalmente a un’alterazione di tipo genetico, questa causa l’insorgenza di cancri definiti glioblastomi che poco lasciano alla speranza, chemio e radio sono solo in grado di allungare i tempi, senza garantire alcun tipo di guarigione, la ricerca sul cancro ancora è lontana da una soluzione.

ricerca sul cancro, glioblastomaIl glioblastoma è uno dei tumori in assoluto più aggressivi, solitamente nella quasi totalità dei casi, a distanza da due anni dall’intervento chirurgico e la conseguente chemioterapia, la forma tumorale tende a ripresentarsi, una forma molto aggressiva che non lascia molte aspettative di vita, in molti casi porta alla morte.

ricerca sul cancro, farmaci intelligenti

Per cercare di intervenire nella maniera più intelligente possibile, la ricerca contro il cancro da molto tempo sta cercando delle strade alternative che vadano nella direzione giusta, poter utilizzare dei farmaci intelligenti in grado di riprogrammare l’azione stessa, facendo in modo tale che il tumore venga colpito in maniera settoriale e specifica.

Entro fine anno partirà e sarà coinvolta anche l’Italia il primo studio clinico che riguarda l’utilizzo di un farmaco intelligente, questo colpisce in maniera precisa a mirata, l’alterazione genetica responsabile dell’insorgenza del glioblastoma, la manipolazione di molecole che agiscono direttamente sulla genetica del tumore, il futuro di questa ricerca.

Lo studio  portato avanti da un scienziato italiano emigrato negli Stati Uniti, riguarda per prima cosa lo studio stesso del tumore, Antonio Iavarone ha creato la mappa genetica più completa mai vista del glioblastoma, un modo per comprendere fino in fondo come questo tumore si manifesta e agisce.

Il tumore è causato da mutazioni genetiche che favoriscono l’insorgenza della patologia e il suo sviluppo, poter agire con farmaci intelligenti, riprogrammati per colpire che molecole che favoriscono l’insorgenza e la diffusione del tumore, potrebbe dare in futuro delle concrete speranze per tutti quelli che sono ammalati.

Il farmaco in sperimentazione che si assume per via orale, ha dimostrato di avere pochi effetti collaterali e una buona risposta.

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,,

Comments are closed