Sequenziamento dna, il segreto del caffè

Esiste una bevanda nel mondo che più di altre ha da sempre riscosso successo, parliamo del caffè, una produzione sempre in crescita che sembra non conoscere crisi, certo da paese a paese la miscela di caffè e il suo modo di essere percepito cambia,resta il fatto che il tuo gusto unico viene apprezzato in tutto il mondo.

sequenziamento dna, il segreto del caffèCosa rende veramente speciale questa bevanda è la domanda che molto spesso ci si pone, cercare in termini genetici di comprendere come sia evoluto per acquisire il gusto che tanto piace a tutti è la vera sfida, in una recente analisi che ha portato al  sequenziamento del genoma del caffè, è stato possibile stabilire alcuni fondamenti molto importanti.

Sequenziamento dna, genoma del caffè.

L’idea è quella di far luce sull’evoluzione della caffeina e comprendere meglio i meccanismi, per fare tutto questo si è ricorsi ad una tecnica molto avanzata di sequenziamento, l’analisi ha riguardato il caffè denominato di varietà robusta, questo costituisce all’incirca il 30 % del caffè totale consumato nel mondo.

La scoperta molto interessante, riguarda l’evoluzione dei geni delle piante di caffè, a differenza dei geni che producono la caffeina nel thè o il cacao, le sequenze e la collocazione dei geni delle piante del caffè, hanno avuto uno sviluppo completamente indipendente.

Sequenziamento dna, sviluppo nuovi ceppi di caffè.

Ulteriori analisi hanno scoperto che nel caffè, c’è stata una sorta di adattamento e evoluzione unica nel suo genere, al punto tale che gli enzimi coinvolti nella produzione di caffè, hanno avuto uno sviluppo e un adattamento indipendente da quello relativo a quelli del thè e del cacao.

La scoperta di queste variabili genetiche che coinvolge il caffè, dovrebbe aiutare a modificare le colture, cercando di migliorarne sviluppo e dando uno stimolo notevole allo sviluppo di nuove varietà, allo stesso tempo dovrebbe portare un netto miglioramento, nella selezione e modifica di piante maggiormente resistenti agli stress ambientali e all’attacco di parassiti.

 

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags:

Comments are closed