Una sana autostima | qualità della vita

25

Quando parliamo di  una sana autostima a cosa ci stiamo riferendo esattamente? Per prima cosa è importante capire che avere un buon livello da questo punto di vista è molto importante per la qualità della vita che andremo ad avere. Questo sia da un punto di vista fisico che emotivo. Come possiamo costruirla? Sicuramente serve tempo, un altro fattore che va considerato è il fatto che sia molto importante per poter avere da questo punto di vista una vita che sia il più piena possibile e soddisfacente da questo punto di vista.

La costruzione di questo modo di percepire la propria persona è molto importante, questo consente di avere una vita che sia il più piena possibile e soddisfacente. Si può sviluppare una sana relazione con la propria persona oltre a riuscire ad affrontare le sfide che la vita ci sa porre con una caratteristica come quella della resilienza. Si tratta di un processo di miglioramento che va intrapreso su sè stessi e ci consente di migliorare il livello di benessere che abbiamo e la qualità della vita.

Possiamo parlare di un processo che ad un certo punto della vita si arresta? In realtà no è bene definirlo come una dinamica continua che inizia dalla fase dell’infanzia e tende a caratterizzare e costruire l’insieme delle percezioni, dei pensieri, delle valutazioni, delle emozioni.

Autostima non vuol dire euforia

Quando si parla di avere un livello di autostima adeguato è bene sapere che questo non coincide in una persona con uno stato euforico o magari ci si trova in uno stato nel quale non ci sono mai dubbi o il soggetto non ha delle insicurezze. Nella vita di tutti i giorni è una cosa normale avere momenti che possiamo definire alti e momenti che possiamo definire bassi da un punto di vista emotivo. Quando si ha un livello di autostima personale adeguato, questo consente di avere una valutazione che risulta essere positiva e realistica della propria persona.

Il fatto di riuscire a fare un adeguato lavoro su sè stessi ha sicuramente un’influenza positiva sul proprio livello di autostima. Oltre a questo si possono aggiungere il rispetto della propria persona, una sana definizione dei confini oltre al senso di dignità. Non dimentichiamo poi il benessere da un punto di vista fisico, quello mentale, oltre a quello emotivo.

Un buon livello di autostima consente di poter avere una buona capacità di perseveranza, oltre che a portersi riprendere e adattarsi a situazioni che sono del tutto differenti tra di loro. Le persone che hanno un buon livello di autostima personale hanno anche una grande resilienza personale.

Arrivare ad una buona autostima personale

Come si può arrivare ad una buona autostima personale? Vediamolo insieme:

  • Una raccomandazione molto importante per riuscire a coltivare un’autostima che sia il più sana possibile deriva per prima cosa dall’imparare a riconoscere e saper valorizzare quelli che sono i propri successi. Questo è importante sia fatto anche quando questi sono di fatto molto piccoli rispetto a quello a cui pensavamo di arrivare. Un altro fattore importante è quello di avere un buon livello di orgoglio inerente alle proprie capacità e ai propri talenti.
  • Un altro fattore molto importante che non va sottovalutato e che dev’essere tenuto in considerazione è il fatto di dedicare il tempo necessario per prendersi cura della propria persona. Come lo si può fare in maniera concreta? Per prima cosa si passa da una dieta che dev’essere il più sana possibile, oltre a fare esercizio fisico, avere un riposo che sia sufficiente da questo punto di vista e riuscire a mantenere un livello di igiene personale adeguato.
  • Un’altra regola importante che è bene darsi è quella di avere una certa attenzione per i propri pensieri, cercando di modificare quelli negativi con altri che siano da questo punto di vista maggiormente realistici e con un livello di positività più elevato. Un altro fattore molto importante riguarda il fatto di cercare di ridurre al minimo l’autocritica verso sè stessi quando viene portata avanti in maniera eccessiva e cercare di concentrarsi al massimo sulle proprie forze e sulle qualità che ogni persona possiede.
  • Un altro fattore molto importante passa per la definizione di obiettivi che siano il più realistici possibili e che si possano raggiungere, stimolando in questo modo sentimenti di sicurezza e di soddisfazione personale.
  • Se dovete lavorare in un’azienda, compatibilmente con le possibilità che avete e con il mercato del lavoro con il quale vi dovrete confrontare è bene che scegliate contesti lavorativi dove potete avere un supporto e dove vi rendete conto ne vale la pena. Da questo punto di vista è bene evitare le persone che hanno la caratteristica di essere molto critiche nei vostri confronti o quelle che vi rendete conto vi mettono a disagio e vi fanno star male. Al contrario di quello che si potrebbe pensare è essenziale e fondamentale invece sapersi circondare di persone che vi supportano nella crescita.
  • Nessuna delle persone che incontriamo lungo il nostro cammino professionale è perfetta da questo punto di vista, per questo motivo è importante capire quali siano i punti di forza che sappiamo esprimere e quali invece i punti di debolezza. Bisogna imparare ad accettarsi nel corso del tempo.

Autostima non corretta

Quali sono le forme di autostima che potremmo definire malsane? La prima è legata ad un’opinione negativa della propria persona, ci sono invece casi in cui l’autostima che una persona hai nei confronti della propria persona è eccessivamente positiva. Si tratta in tal senso di persone che sono decisamente arroganti e hanno un marcato livello personale di narcisismo.

L’autostima di natura comparativa è un’altra di quelle in cui è necessario confrontarsi in maniera costante con gli altri e si tende a valutare sè stessi in funzione alla percezione che abbiamo nel rapporto con gli altri. Potremmo avere un’autostima definita condizionata nella quale ci si basa su risultati quali il successo di natura professionale, il proprio aspetto fisico e il livello di approvazione che hanno gli altri.

Il fatto di saper costruire una sana autostima è un fattore del tutto personale ed è importante in tal senso avere un maggior livello di soddisfazione, fiducia in sè stessi, saper accettare le proprie imperfezioni, avere un dialogo positivo con sè stessi, essere decisamente meno autocritici ed essere resilienti.

Rivolgersi ad un professionista è necessario quando il livello di autostima personale basso tende a influire in maniera del tutto negativa sulla qualità della propria vita e sul livello di benessere emotivo.

Essere resilienti : cosa vuol dire