autotrapianto staminali: ritorno a casa

Ci soffermiamo spesso quando parliamo di autotrapianto di staminali a descrivere in maniera dettagliata le fasi dell’intervento. Certamente è importante avere ben chiaro quale sia il trattamento con relativi vantaggi e svantaggi.

Il decorso successivo all’intervento resta però un’incognita per molte persone che leggono questi articoli. Cosa avviene precisamente quando si torna a casa? Quali sono le fasi che dobbiamo tenere in considerazione per reagire al meglio al trattamento?

Autotrapianto staminali: degenza a casa

Ognuno di noi se avesse avuto un autotrapianto di staminali in seguito a una patologia del sangue, vorrebbe tornare a casa. Le dimissioni in seguito a una malattia sono una fase molto importante.

Vuol dire che una parte del problema è stato risolto e ora si può pensare e riflettere come affrontare quello che verrà dopo. Occorre per prima cosa fare uno sforzo mentale per recuperare una parte della vita e della propria quotidianità che si è persa mentre eravamo in ospedale.

Il primo pensiero che deve occupare la nostra mente, riguarda la fragilità del nostro sistema immunitario. Per questo motivo occorre avere cura del proprio organismo e dare il giusto riposo al nostro corpo.

Autotrapianto staminali: igiene essenziale!

La prima regola da seguire riguarda la pulizia della propria abitazione. La casa deve essere il più pulita possibile, in modo particolare il bagno e i sanitari devono essere stati igienizzati.

Meglio un trattamento a base di candeggina e ammoniaca, ovviamente questa fase la deve curare un tuo familiare. Ti consigliamo di non tenere tappeti o altri arredi che fanno crescere il livello di polvere negli ambienti dove ti fermi più a lungo.

Occorre curare in maniera molto attenta e scrupolosa la propria igiene personale, utilizzando prodotti a base neutra. Non utilizzare mai asciugamani che hanno utilizzato a loro volta altri familiari.

Curare l’alimentazione in maniera molto attenta è un altro fattore che devi considerare. Evita per almeno un mese cibi crudi, frutta fresca, cibi elaborati o fritture.

Cerca invece di mangiare prodotti stagionati come formaggi, bisogna evitare il latte fresco e scegliere quello a lunga conservazione.

Giustamente vorrai uscire, per questo motivo ti consigliamo caldamente di evitare luoghi affollati. Se ti piace andare al cinema, cerca spettacoli durante la settimana meno affollati.

Puoi ricevere delle visite a casa tua, ricordati di non esagerare, non più di 1 o due persone per volta. Devi stare invece molto attento al contatto con i bambini.

Sono potenziali portatori di virus, per questo motivo è bene ridurre il contatto con loro il meno possibile.

Autotrapianto staminali: posso avere una vita sessuale?

Parliamo ora di un aspetto molto importante, la propria vita sessuale. Dopo aver ricevuto un autotrapianto di staminali si può tornare a una vita sessuale normale?

Si può avere una vita sessuale perfettamente normale purchè da parte della persona ci siano alcuni accorgimenti. Per un periodo di almeno sei mesi è consigliabile utilizzare il profilattico.

Una precauzione per proteggere te da malattie sessuali che possono essere trasmesse ma anche il tuo partner. Infatti potresti avere nel tuo organismo ancora tracce di farmaci antineoplastici.

Un altro aspetto molto importante è legato al fumo. Cerca di stare lontano da persone che fumano e per almeno due anni evita tu stesso di fumare. Potresti con il tempo sviluppare delle patologie di carattere respiratorio.

La vita quindi dopo un autotrapianto di staminali può tornare normale, cercando ovviamente di prendere alcune piccole precauzioni.

Categories: News dal Mondo,Ricerca scientifica

Tags: ,

Leave A Reply

Your email address will not be published.