Buscopan indicazioni

210

Quali sono le indicazioni per l’utilizzo del Buscopan? Per prima cosa è bene dire che stiamo parlando di un farmaco che ha un’azione di natura antispastica, anticolinergica. Qual’è la classe specifica di farmaci alla quale appartiene? Si tratta di una classe di farmaci definita alcaolidi della belladonna. Qual’è l’utilizzo di questo farmaco? Viene utilizzato per trattare i sintomi che un paziente potrebbe manifestare di natura spastica e con una sindrome dolorosa associata del segmento gastroenterico e dell’apparato genitale e urinario.

Parliamo di controindicazioni

Quali sono le controindicazioni specifiche? Quando invece questo farmaco non dovrebbe in alcun modo essere utilizzato da un paziente? Per prima cosa il suo utilizzo deve essere escluso per tutti quei pazienti che in qualche modo potrebbero manifestare una sensibilità al principio attivo contenuto al suo interno o a qualsiasi eccipiente.

Tuttavia il farmaco non dovrebbe essere utilizzato se il paziente ha:

  1. Una patologia chiamata glaucoma con angolo acuto;
  2. Una patologia come l’ipertrofia prostatica;
  3. Se il paziente dovesse avere una stenosi pilorica;
  4. Se il paziente soffre di colite ulcerosa;
  5. Se il paziente dovesse soffrire di megalocolon;
  6. Se il paziente dovesse avere una esaofagite da reflusso;
  7. Se il paziente dovesse soffrire di una condizione definita atonia intestinale dell’anziano;
  8. Se il paziente dovesse soffrire di una miastenia piuttosto seria;
  9. Il farmaco non dovrebbe essere somministrato a bambini che hanno un’età inferiore ai 6 anni.

Prima di utilizzarlo le informazioni da conoscere

Prima di assumere un farmaco del genere ci sono alcune informazioni che un paziente deve conoscere. Se il paziente dovesse soffrire di una sindrome dolorosa a livello addominale che tenda a persistere nel corso del tempo unita da altri sintomi, dovrebbe rivolgersi ad un medico. Quali sono i sintomi che vanno tenuti in considerazione? Vediamoli insieme:

  • Un sintomo è la febbre;
  • Se dovesse avere la nausea;
  • Se dovesse avere vomito;
  • Se dovesse avere delle alterazioni che riguardano la motilità intestinale;
  • Se dovesse soffrire di pressione sanguigna bassa;
  • Se dovesse avere sangue nelle feci;

Trattandosi di un farmaco che fa parte della famiglia degli anticolinergici è bene che venga utilizzato in maniera prudente da persone anziane. Altri pazienti che dovrebbero essere molto prudenti nell’utilizzo di questo farmaco sono:

  1. Persone che soffrono di turbe che interessano il sistema nervoso;
  2. Persone che soffrono di aritmie a livello cardiaco;
  3. Persone che soffrono di ipertensione a livello arterioso;
  4. Persone che soffrono di ipertiroidismo;
  5. Se si tratta di soggetti che hanno problematiche renali;
  6. Se si tratta di soggeti che hanno problematiche epatiche;

Un’altra caratteristica specifica degli anticolinergici è quella di ridurre la sudorazione di un soggetto. Motivo per cui il farmaco dovrà essere somministrato con una certa cautela in pazienti che hanno la febbre.

Farmaci e alimenti che mutano l’azione del farmaco

Quali sono i farmaci e gli alimenti che potrebbero interagire con il farmaco modificandone l’azione? Se il paziente sta assumendo antidepressivi definiti tri e tetra-ciclici, se il paziente sta assumendo antistaminici, antipsicotici, il loro effetto potrebbe essere accentuato dall’interazione con questo farmaco.

Se il farmaco dovesse essere associato in concomitanza con farmaci antagonisti della dopamina come la metoclopramide potrebbe portare a una riduzione nell’efficacia di entrambi i farmaci nella zona gastro-intestinale.

Se il paziente si sta sottoponendo a una terapia basata su questo farmaco è molto importante non assuma sostanze alcoliche. Un’altra informazione molto importante da sapere è che non devono essere assunti antiacidi in contemporanea con questo farmaco perchè sono in grado di ridurre la capacità di assorbimento a livello intestinale di questo farmaco.

Parliamo di avvertenze

I farmaci definiti anticolinergici potrebbero prolungare la tempistica relativa alla fase di svuotamento gastrico. Se un paziente viene trattato con anticolinergici con un dosaggio elevato, sarà bene non sospendere queso trattamento in maniera brusca. Se si parla invece di effetti collaterali minori, si possono controllare riducendo il dosaggio relativo all’assunzione del farmaco.

Se il paziente nell’utilizzo del farmaco dovesse avere manifestazioni di natura secondaria marcate, si dovrà interrompere la sua somministrazione.

Parliamo di gravidanza e allattamento

Ad oggi non si è in possesso di una quantità di informazioni sufficienti per quanto concerne l’escrezione di questo farmaco nel latte dell’uomo. In ogni caso in forma precauzionale è bene sospendere l’utilizzo di questo farmaco se la donna è in gravidanza o è in fase di allattamento.

Ad oggi non ci sono studi che mettano in evidenza se l’utilizzo di questo farmaco possa creare dei problemi nel guidare un veicolo o nell’utilizzo di macchinari. Tuttavia poichè gli anticolinergici sono in grado di creare in una persona sonnolenza, si tratta di un fattore del quale una persona che guida macchinari specifici dov’è richiesta una soglia di attenzione elevata, si dovrà tener conto.

Come va utilizzato

Per prima cosa è bene dire che i dosaggi che andremo a riportare sono consigliati per persone di età superiore ai 14 anni. Per le compresse rivestite il dosaggio è 1-2 compresse rivestite per 3 volte durante una giornata. Per le supposte la dose è 1 supposta per tre volte al giorno. Se si tratta di pazienti che hanno un’età compresa tra i 6 anni e i 14 anni ci si dovrà attenere in maniera del tutto scrupolosa alle indicazioni mediche.

Se si tratta di persone che hanno una certa età e che soffrono di :

  • Problematiche riguardanti il sistema nervoso autonomo;
  • Ipertensione arteriosa;
  • Insufficienza cardiaca congestizia;
  • Nell’ipertiroidismo;
  • Persone con problematiche epatiche;
  • Persone con problematiche renali.

Ci si dovrà necessariamente rivolgere a un medico.

Periodo di trattamento

Per quanto tempo si può assumere un farmaco del genere? La risposta corretta è per periodi brevi. Se gli spasmi dovessero ripresentarsi in maniera ripetuta, si renderà necessario un consulto medico. Il farmaco non va assunto in dose giornaliera senza aver compreso quale sia la causa sottostante alla sindrome dolorosa nella zona dell’addome.

Come assumere le compresse

Le compresse andranno assunte con una buona quantità di acqua.

Sintomatologia nel caso di sovradosaggio da farmaco

Quali sono i sintomi ai quali potrebbe andare incontro il paziente nel caso in cui dovesse assumere una quantità di farmaco in dosi eccessive? In tal senso il paziente potrebbe avere:

  • Uno degli effetti del sovradosaggio è la bocca secca;
  • Un altro degli effetti del sovradosaggio sono problematiche di ritenzione urinaria;
  • Un altro effetto è l’arrossamento della cute;
  • Un altro effetto è la tachicardia;
  • Un altro effetto potrebbe riguardare disturbi al campo viviso di natura transitoria.

Se il paziente dovesse avere un glaucoma si dovrà rivolgere il prima possibile a un oftalmologo. Se il paziente dovesse avere una paralisi di tipo respiratorio, si dovrà utilizzare la respirazione artificiale o l’intubazione. Se il paziente invece soffre di ipotensione ortostatica basterà sollevare le gambe.

Se il farmaco dovesse essere stato assunto dal paziente in forma del tutto accidentale e non voluta, ci si dovrà rivolgere quanto prima al medico o a una struttura ospedaliera.

Parliamo di effetti indesiderati

Come qualsiasi altra tipologia di farmaco anche il  Buscopan potrebbe causare degli effetti indesiderati, vediamo insieme quali sono:

  • Potrebbe avere delle interazioni con il sistema immunitario quali orticaria e prurito;
  • Altri effetti collaterali dei quali non si conosce la frequenza sono dispena, rash cutaneo, eritema, schock anafilattico;
  • Sul muscolo cardico anche se non è comune potrebbe dare tachicardia;
  • Secchezza della fauci;
  • Alterazioni legate alla sudorazione;
  • Nell’ambito dei reni e del sistema urinario potrebbe dare ritenzione urinaria;
  • Sul sistema nervoso potrebbe dare una forma di sonnolenza;
  • Sull’occhio potrebbe dare midriasi;

Se oltre agli effetti indesiderati qua riportati, il farmaco dovesse scatenare altri effetti è bene rivolgersi al medico o al farmacista. In ogni caso gli effetti indesiderati potrebbero essere segnalati al seguente indiritto https://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

Bisogna leggere con attenzione la data di scadenza del farmaco che viene riportato nella confezione. Per smaltire nella maniera più opportuna i farmaci è bene chiedere al farmacista. Poichè si tratta di informazioni aggiornate a una certa data, è consigliabile per avere l’ultimo aggiornamento consultare il sito web dell’agenzia italiana per il farmaco.

Leggere con attenzione

Le informazioni qui riportate relative a indicazioni sull’utilizzo del Buscopan,  sono rivolte a un pubblico maggiorenne e in buona salute, si tratta di un semplice approfondimento di natura conoscitiva, in alcun modo l’utilizzo di farmaci deve essere fatto senza aver consulato prima il farmacista, il proprio medico di fiducia o nel caso lo specialista.

Malattie infiammatorie intestinali