Aumentare la memoria

137

Quali sono le strategie valide che possiamo mettere in campo per aumentare la memoria? Per prima cosa è bene dire che una persona, potrebbe trovarsi in un periodo della propria vita nel quale lo stress è molto alto. Motivo per il quale da questo punto di vista è necessario fare un minimo d’ordine nella propria mente, cercando di ridurre il carico dei pensieri che sono presenti. Questa operazione ci consente poi di recuperare un livello di lucidità e di freschezza che sono andati perduti.

Potremmo affermare che il nostro cervello è paragonabile per certi versi ad un personal computer? Volendo dare una risposta più ampia ed esaustiva è bene dire che la nostra mente, potrebbe essere in un periodo nel quale ci sono tanti pensieri che l’affollano, al punto tale da perdere un minimo di lucidità in tal senso e non riuscire poi ad avere quell’efficienza necessaria per gestire i molteplici impegni lavorativi e non solo che fanno parte del nostro quotidiano.

Se voi avete un computer nel quale ci sono molti file che siete soliti utilizzare, ad un certo punto buona parte della sua memoria sarà occupata. Oltretutto è bene sapere che più si accumulano i file, maggiore è la probabilità che si crei confusione, motivo per il quale si renderà necessaria un’operazione volta a “pulire” tutti i file inutili.

In maniera del tutto analoga, il nostro cervello nel corso del tempo tende ad immagazzinare molte informazioni, al punto tale che potrebbe arrivare ad un livello definito di saturazione. Per questo motivo anche a livello mentale si arriva al punto in cui è necessario fare ordine nelle informazioni nel corso del tempo immagazzinate.

Come agire nel momento in cui abbiamo immagazzinato troppe informazioni e la nostra mente è arrivata ad una sorta di “saturazione” coinvolgendo in tal senso anche la nostra memoria? La risposta corretta è che serve mettere in campo delle strategie per ridurre il livello di informazioni nella nostra mente e recuperarne la piena funzionalità anche in termini di memoria.

Mindfulness

Motivo per il quale potrebbe rendersi necessario praticare la mindfulness, perchè si tratta di un approccio che per prima cosa potrebbe decisamente aiutare il soggetto a recuperare una dimensione legata al tempo presente. Essere presenti al momento, vivendo il qui e ora, aiuta una persona a ridurre a livello mentale il carico di pensieri poco importanti.

Un’altra strategia molto importante legata alla mindfulness è quella del fare un’attività alla volta. Tuttavia non è solo questo approccio che consente di ridurre il carico al quale la nostra memoria potrebbe essere sottoposta. Un altro approccio importante è quello legato alla capacità di focalizzarsi sulle proprie sensazioni in maniera tale da vivere al meglio le esperienze di vita quotidiane.

Avere la capacità di porre la massima attenzione al proprio respiro, facendo in maniera tale che se dovesse servire, si cercherà di rallentarlo in maniera del tutto intenzionale. Non dimentichiamo poi che avere una mente curiosa, predispone una persona a mantenere un buon livello di concentrazione.

Esercitare l’arte della scrittura

Se una persona sta vivendo un periodo particolarmente stressante, nel quale la mente è piena di pensieri, non è sempre un’operazione semplice quella che serve a capire quali siano i più importanti e stressanti, riuscendo a determinare in tale maniera il motivo per il quale ci si sente angosciati.

Per questa motivazione potrebbe essere utile avere una sorta di diario che ci consente di tradurre in parole scritte questi pensieri che creano disordine. Un altro vantaggio è quelle riuscire magari a ridurre l’entità dei pensieri che creano uno stato di tensione e di confusione nella mente di una persona.

Perchè sia efficace ci sono delle tempistiche che vanno rispettate? La risposta è si, conviene da questo punto di vista scrivere per almeno quindici minuti al giorno.

Dedicarsi alla musica

La musica potrebbe essere un ottimo metodo per ridurre il carico di stress al quale si è sottoposti. Partendo dal presupposto che consente di ridurre il carico di stress e migliora in tal senso il nostro umore, oltre ad avere degli indubbi vantaggi sulla capacità di concentrarsi e sulla memoria.

Dormire

Quando una persona sta vivendo un periodo di forte stress e si trova in una condizione di stanchezza, una buona metodologia potrebbe essere quella di dormire una quantità di ore adeguate. Non tutti sanno che dormire a lungo, in ogni caso avere un buon livello di sonno, può aiutare una persona a proteggersi dall’affaticamento che si potrebbe percepire a livello mentale oltre a quello che potrebbe essere il disagio da un punto di vista emotivo che un soggetto potrebbe avere.

Se una persona si trova nella condizione di avere un livello di sonno che risulta essere scarso o del tutto insufficiente, potrebbe trovarsi in una condizione mentale in cui potrebbe avere delle difficoltà che riguardano la sua capacità di risolvere dei problemi o magari di prendere delle decisioni.

Se una persona si trova in una condizione personale di stanchezza eccessiva, potrebbe a livello mentale avere delle difficoltà nel riuscire ad avere il giusto distacco da pensieri confusi e riuscire a concentrarsi su quello che risulta necessario fare. In tal senso è bene dire che per avere dei miglioramenti è bene riuscire a dormire un quantitativo di ore durante la notte pari a 7-9 ore.

Fare una passeggiata

Se si è in un periodo di forte stress, potrebbe essere utile fare una passeggiata per potersi rilassare e magari riuscire a fare “mente locale”. Fare una passeggiata, camminare, aiuta da questo punto di vista alla promozione di idee che aiutano a rafforzare la capacità della nostra memoria.

Un’attività in tal senso che potrebbe aiutare a ridurre il carico di pensieri è quello di dedicarsi a fare un minimo di ordine nella propria area di lavoro. Tuttavia quest’operazione potrebbe fare sì che si utilizzi molto del tempo a disposizione, motivo per il quale è consigliabile magari cercare di mantenere un ordine costante nella propria area di lavoro.

In alcuni momenti il modo migliore per evitare che la mente è cercare quando possibile di “dare uno stacco”, in maniera tale che la mente abbia la possibilià di vagare in maniera del tutto libera. Per aiutare la mente a staccare può essere utile fare una dormitina, una passeggiata.

Come ultima strategia per aumentare la memoria,  potrebbe essere utile magari confrontarsi con la famiglia e gli amici per superare le frustrazioni e riuscire ad avere una mente più libera dai pensieri.

Infarto al cervello