Allergia ai semi di zucca

100

L’allergia ai semi di zucca è una problematica che si può presentare in persone che hanno questa sensibilità. I semi di zucca hanno la caratteristica di essere ricchi al loro interno di nutrienti e possono rendere saporite e piacevoli differenti preparazioni quali ad esempio le zuppe e le insalate. Questo non esclude che si possano verificare delle reazioni di tipo allergico in specifiche tipologie di persone. Non si parla di forme comuni come quelle legate per esempio al sesamo, le reazioni anche in tal senso possono essere variabili da un livello di pericolosità minimo per la vita delle persone, ad un livello di pericolosità molto più elevato.

Parliamo dei sintomi

Quali possono essere invece i sintomi che interessano la persona? Vediamoli insieme:

  • Si potrebbe produrre un’eruzione cutanea e anche un prurito.
  • Potrebbero prodursi dei sintomi legati da una forma di allergia orale quali il prurito alla gola e alla zona della bocca.
  • Uno dei sintomi che potrebbero manifestarsi nel soggetto riguardano un possibile gonfiore nella zona delle labbra.
  • Il soggetto potrebbe avere una respirazione di natura sibilante.
  • Potrebbe andare incontro a delle difficoltà in fase di respirazione.
  • Un altro dei possibili sintomi che potrebbe avere è l’anafilassi.

I sintomi appena elencati fanno parte di quelli maggiormente comuni, partendo dal prurito per arrivare ad una forma molto più seria come l’anafilassi. Quali possono essere le zone maggiormente colpite del corpo? Potrebbero colpire una zona come quella della pelle, tuttavia potrebbero anche causare sintomi maggiormente gravi che potrebbero a loro volta avere un’influenza sulla respirazione. Tra le possibili conseguenze abbiamo a reazioni che mettono a rischio la vita della persona come lo shock anafilattico.

Semi di zucca e possibili reazioni allergiche

I semi di zucca possono causare delle reazioni di natura allergica che potrebbero essere lievi o magari avere un livello di severità maggiore. Questa sensibilità potrebbe anche essere collegata ad una reazione del tutto analoga nella quale si consumano semi oleosi, frutta secca o specifici ortaggi.

Se invece non sono presenti reazioni di natura allergica, non è detto che non si possano produrre altri fastidi quali:

  • Il soggetto potrebbe lamentare mal di stomaco.
  • Il soggetto potrebbe lamentare la presenza di gas.
  • Il soggetto potrebbe avere gonfiore.

Questi effetti fastidiosi sono collegati alla quantità di zucca introdotta nel nostro corpo, se risulta essere eccessiva, non dobbiamo infatti dimenticare che introduciamo nel nostro corpo una quantià di fibre molto importanti. Quali sono invece le possibili allergie collegate a questa? Vediamole insieme:

  • Un’altra allergia collegata è quella alle mele.
  • Un’allergia collegata è quella alle albicocche.
  • Un’allergia collegata è quella alle pere.
  • Un’altra allergia collegata è quella alle pesche.
  • Un’altra allergia collegata è quella all’anguria.
  • Un’altra allergia collegata è quella al cetriolo.
  • Un’altra allergia collegata è quella alle zucchine.

Approccio diagnostico

Quale risulta essere il corretto iter di natura diagnostica? La risposta corretta è quella di rivolgersi ad un allergologo che confermerà in tal modo la presenza di questa forma allergica. Questo verrà fatto eseguendo dei test successivi all’anamnesi. Come regolarsi se si scopre di avere questa forma allergica? La risposta corretta è quella di evitare in ogni modo di introdurre l’alimento che ha scatenato la reazione.

Eruzione cutanea

Il termine rash indica un mutamento del tutto anomalo nella colorazione della nostra pelle. Generalmente quando si parla di eruzione cutanee è bene sapere che sono collegate a processi di natura infiammatoria che riguardano la zona delle pelle e possono avere differenti cause.

Quando invece si parla di eczema, stiamo utilizzando un termine del tutto generale nel quale si può parlare di condizioni differenti della pelle. Questa potrebbe essere infiammata, potrebbe diventare rossa, potrebbe diventare squamosa, potrebbe diventare pruriginosa.

Parliamo di cause

Quali possono essere le motivazioni per le quali si potrebbe manifestare un’eruzione cutanea? La risposta corretta è che potrebbero essere differenti, vediamo insieme quali:

  • Una delle problematiche che potrebbe essere collegata ad una manifestazione del genere è la presenza del fuoco di sant’Antonio.
  • Un’altra delle possibili cause potrebbe essere legata alla presenza dell’orticaria.
  • Un’altra causa potrebbe essere lo streptococco.
  • Un’altra possibile causa potrebbe essere lo stafilococco aureo.
  • Un’altra causa possibile potrebbe essere la presenza di un ascesso cutaneo.
  • Un’altra causa possibile potrebbe essere la presenza della scabbia.
  • Un’altra causa possibile potrebbe essere la presenza della toxoplasmosi.

Non dimentichiamo poi che le eruzioni cutanee possono anche essere causate in forma diretta o in forma indiretta da:

  1.  Potrebbero essere collegate alla presenza di batteri.
  2. Potrebbero essere collegate alla presenza di processi infettivi di natura virale.
  3. Potrebbero essere collegate alla presenza di funghi.

In maniera del tutto alternativa la presenza di un’eruzione di natura cutanea potrebbe avere non necessariamente una causa di origine infettiva e in tal senso tra le cause maggiormente comuni troviamo:

  1. Una delle cause comuni potrebbe essere la presenza di farmaci.
  2. Un’altra delle cause comuni potrebbe essere la presenza di patologie di natura cronica.
  3. Un’altra delle cause comuni potrebbe essere la presenza di reazioni di natura allergica come l’orticaria.

Se parliamo di eczemi tra le cause potremmo avere:

  1. Una delle principali cause potrebbe essere legata allo stress.
  2. Un’altra delle possibili cause potrebbe essere collegata a saponi che hanno la caratteristica di essere irritanti, oppure prodotti per la pelle, alcune specifiche tipologie di tessuti.

Sintomi

Invece approfondendo un attimo i sintomi potremmo avere delle macchie piatte, al contrario un’eruzione di natura cutanea papulare si manifesta con piccole chiazze rossastre. Generalmente il processo diagnostico avviene tramite l’analisi della storia dei sintomi legati alla persona e tramite l’esame obiettivo della pelle.

Il trattamento in linea generale prevede che venga trattata con farmaci di natura cortisonica, si tratta di prodotti da questo punto di vista che possono essere trattati tramite il controllo del prurito, del rossore, dell’arrossamento. Ci possono essere da questo punto di vista degli approcci di natura preventiva? Si, vediamo quali:

  1. Cercare di ridurre lo stress.
  2. Cercare di evitare tessuti che possono irritare.
  3. Favorire l’idratazione delle pelle.
  4. Cercare di evitare sbalzi di temperatura e umidità.
  5. Cercare di ridurre eventi e situazioni che possano stimolare una sudorazione del tutto eccessiva e il surriscaldamento.

Considerazioni finali

Se l’allergia ai semi di zucca scatena dei sintomi da questo punto di vista lievi, verrà dato al paziente un antistaminico da banco. Se invece la problematica dovesse essere più marcata con un gonfiore nella zona della gola, potrebbe rendersi necessaria l’epinefrina.

Sintomi shock anafilattico