Come correre facendo meno fatica

85

Come correre facendo meno fatica? Per prima cosa è importante sapere che attualmente la corsa risulta essere un’attività fisica che viene praticata da molte persone, si tratta a tutti gli effetti di uno sport che è più o meno alla portata di tutti, lo si può praticare in uno spazio aperto. Per iniziare quest’attività non è per forza necessario avere una preparazione fisica di livello elevato. Non si deve neanche acquistare, un’attrezzatura che sia eccessivamente specifica. Quindi come ci si deve regolare per intraprendere questo tipo di sport? Per prima cosa è importante la scelta delle scarpe, avere un abbigliamento adeguato, iniziare in maniera progressiva senza chiedere troppo al proprio corpo. Una volta che il fisico della persona, risulterà essere maggiormente allenato, si potrà eventualmente aumentare il ritmo, chiedendo al nostro corpo, uno sforzo maggiore.

Per poterlo fare è molto importante avere la tecnica giusta, questo consente di muoversi con i movimenti più corretti e aiuta anche a dosare la quantità di energia che dobbiamo in tal senso spendere. L’obiettivo è quello di dosare in maniera intelligente e sapiente l’energia e riuscire a fare una fatica minore. In tal senso si potrà durare di più, migliorando in maniera generale quelle che sono le performance. Tuttavia questi sono solo alcuni degli aspetti che vanno tenuti in considerazione.

Dettagli da monitorare

Se intraprendiamo un’attività come la corsa, ci sono una serie di dettagli ai quali dovremo stare attenti, per cercare di ridurre la fatica, vediamo quali sono:

  • Per prima cosa, sarà importante verificare quale sia l’impostazione relativa al proprio modo di correre.
  • Un’altro dettaglio molto importante è quello legato al movimento.
  • Non dobbiamo poi dimenticare la respirazione.

Come impostare il proprio modo di correre

Se una persona riesce a correre nel modo più corretto, avrà anche la possibilità di dosare in maniera attenta quelle che sono le energie, senza in tal modo arrivare al punto di mettersi a correre, consumando molto rapidamente le energie che si hanno a disposizione. Infatti avere delle riserve energetiche è molto importante per non solo avere un livello di fatica minore ma anche per riuscire a correre più a lungo e non sentirsi eccessivamente stanchi quando si termina una sessione di corsa.

Quali sono gli elementi ai quali è bene avere attenzione nel momento in cui si corre? La prima cosa da monitorare è quella legata al movimento relativo alle braccia e alle gambe. Se ci si muove in maniera tale che si utilizzano molto le braccia, la fatica al quale sottoporremo il nostro corpo è molto più grande. La medesima cosa è legata ad un’errata abitudine come quella di alzare troppo le ginocchia, perchè questa abitudine errata, porta un soggetto ad avere un passo molto accentuato ( troppo accentuato e questo ovviamente aumenta il livello di fatica).

Quindi per avere una corsa adeguata è molto importante avere una certa attenzione al movimento del proprio corpo, per prima cosa è bene sapere come la testa è allineata ad altre zone del corpo. Se reclinata in maniera leggera in avanti è bene non sia mai dietro alle spalle. Lo sguardo è importante, non deve puntare ai piedi, deve invece guardare di fronte a sè.

Le spalle sono un’altra zona molto importante del corpo, non devono mai chiudersi, devono invece essere aperte in maniera tale che si possa respirare nel modo più giusto, consentendo ai polmoni di immagazzinare tutta l’aria necessaria mentre si corre. Un’altra regola importante che ci si deve dare è quella di non avere il busto che risulta essere reclinato in avanti, in maniera tale che le spalle siano più avanti del bacino ma non di molto.

Parliamo di movimento

Ci sono alcune regole di base in questo sport molto importanti, per prima cosa nel momento un cui il piede si appoggia per terra, il peso viene a tutti gli effetti redistribuito e scaricato sulla superficie, in seguito ci spinge in avanti per riuscire a staccarlo. Si tratta a tutti gli effetti di movimenti naturali, vengono generalmente fatti in maniera del tutto spontanea e come una sorta di automatismo nel quale non ci si riflette neanche.

Tuttavia pur trattandosi di dinamiche del tutto naturali e fluide è bene sapere che bisogna tenere a mente una serie di regole per evitare di fare questi movimenti rischiando di farsi male. La prima regola che bisogna tenere a mente è quella di non atterrare utilizzando il tallone, si dovrà invece utilizzare l’avampiede perchè è in grado di riuscire ad assorbire in maniera ottimale gli urti che si producono con il terreno. Questo di fatto riduce in maniera oggettiva il rischio che ci possa essere un infortunio.

Un’altra regola importante è quella di fare passi che siano brevi e il più frequenti possibili.

Approccio con la respirazione

Un altro risvolto molto importante, in grado da questo punto di vista è la respirazione, un aspetto molto importante che effettivamente è in grado di condizionare in maniera negativa la corsa stessa. Nella maggioranza dei casi è bene sapere che le persone tendono a non respirare nella maniera più adeguata. Al contrario avere una respirazione corretta è un modo per sfruttare al meglio tutta la capacità di natura polmonare che abbiamo.

Pur sembrando una dinamica del tutto scontata, il fatto di riuscire a svuotare in maniera adeguata i polmoni e a sfruttare tutta la capacità polmonare che abbiamo non è fatto nella maniera adeguata dalla maggior parte delle persone. Per riuscire a fare questa cosa, il primo elemento importante che dovremo fare è quello di riuscire ad avere una respirazione adeguata con la zona del diaframma.

Si tratta di un muscolo che si alla base dei polmoni e che permette di riempire in maniera adeguata i polmoni stessi. Questo a differenza dell’altra modalità di respirazione che siamo soliti utilizzare che consente di riempire solo la zona superiore dei polmoni.

Con la respirazione che si avvale del diaframma, la zona del busto tende ad aprirsi e consente di immagazzinare una quantità maggiore di ossigeno. Questa modalità e questo approccio sono molto importanti per la fase di allenamento e il processo di rigenerazione a livello muscolare.

Questa  modalità di respirazione è molto importante non solo per allenarsi e correre nel modo giusto ma anche per riuscire a controllare meglio l’ansia e il relativo stress.

Nodo alla gola e ansia