Neuropatie periferiche sintomi

288

Quali sono i sintomi delle neuropatie periferiche? Per prima cosa è importante sapere che la sintomatologia potrebbe essere del tutto variabile. Infatti potrebbe avere una forma lieve oppure potrebbe essere una forma piuttosto marcata, al punto tale da essere del tutto invalidante. Quali sono le tempistiche in base alle quali si può sviluppare? In tal senso lo sviluppo potrebbe essere di:

  • Potrebbe avere una manifestazione che come tale si produce in alcuni giorni;
  • Potrebbe avere una manifestazione che come tale si produce in alcune settimane;
  • Potrebbe essere una manifestazione che si produce nell’arco di qualche anno.

La sintomatologia potrebbe essere in tal senso del tutto varabile e dipendere da quali sono i segmenti corporei coinvolti in tal senso potremmo avere:

  1. Una forma chiamata polineuropatia che coinvolge in tal senso una serie di segmenti corporei;
  2. La forma potrebbe essere una mononeuropatia quando il segmento corporeo interessato è uno solo.

In ogni caso la sintomatologia potrebbe essere varia e coinvolgere varie zone del corpo, tra queste abbiamo:

  1. Il soggetto potrebbe lamentare dei formicolii definiti anche parestesie;
  2. Il soggetto potrebbe soffrire di una forma di allodinia, si tratta di una condizione nella quale il soggetto percepisce uno stimolo come doloroso anche se di fatto in condizioni del tutto normali non dovrebbe esserlo in alcun modo;
  3. Il paziente potrebbe andare incontro a un dolore di natura neuropatica;
  4. Il soggetto potrebbe avere un problema di perdita di equilibrio.

Per quanto riguarda invece i sintomi che il soggetto potrebbe avere nel caso in cui vengano coinvolti nervi motori, potremmo avere:

  • Il paziente potrebbe lamentare una certa debolezza di natura muscolare;
  • Il paziente potrebbe avere degli spasmi;
  • Il paziente potrebbe avere crampi;
  • Il soggetto potrebbe andare incontro a quella che viene definita ipertrofia ai genitali;
  • Il paziente potrebbe andare incontro a una forma di paralisi.

Se si parla invece di sintomi che riguardano quelli che vengono definiti nervi autonomici il paziente potrebbe avere:

  • Il paziente potrebbe andare incontro a problematiche riguardanti la pressione arteriosa;
  • Il paziente potrebbe andare incontro a uno svenimento;
  • Il paziente potrebbe avere stipsi;
  • Il paziente potrebbe avere diarrea;
  • Il paziente potrebbe avere delle alterazioni in quella che risulta essere la frequenza del battito cardiaco;
  • Il paziente potrebbe andare incontro a una forma di sudorazione molto marcata;
  • Il paziente potrebbe avere la nausea;
  • Il paziente potrebbe avere il vomito.

Neuropatia periferica

Quando si parla di neuropatia periferica si intende un problematica che riguarda i nervi alle loro estremità, si parla in tal senso di:

  • La zona delle braccia;
  • La zona dei piedi;
  • La zona delle mani.

Se dobbiamo parlare di questa problematica riferita in tal senso a paesi occidentali, potremmo parlare di:

  • La causa più comune è rappresentata dal diabete mellito e dalle sue complicazioni;
  • Altre cause ma in tal senso meno comuni sono legate a eventuali lesioni fisiche nella zona dei nervi;
  • Potrebbe trattarsi di un processo di natura infettiva virale;
  • Potrebbe essere collegato a effetti indesiderati di alcuni farmaci;
  • Potrebbe essere collegato a un problema di debolezza a livello muscolare.

Parliamo di cause

Quali sono le cause in tal senso? Non c’è una risposta standard che si può dare per una problematica del genere. Possiamo sicuramente dire che le cause possono essere di natura differente e tra queste abbiamo:

  • Potrebbe essere collegato a una sindrome definita del tunnel carpale;
  • Potrebbe essere la conseguenza della compressione di un nervo collegata a una patologia tumorale;
  • Potrebbe essere la conseguenza di una compressione legata a un nervo in una zona esterna;
  • Potrebbe trattarsi di una compressione legata a una forma di ipertensione di natura muscolare;

Se parliamo invece di polineuropatie, le cause potrebbero essere differenti tra di loro, tra queste abbiamo:

  • Potrebbe essere collegata a una forma di diabete;
  • Potrebbe essere collegata a una carenza legata alla vitamina B;
  • Potrebbe essere collegata a una forma di insufficienza renale cronica;
  • Potrebbe essere collegata a una forma di insufficienza a livello epatico cronica;
  • Potrebbe essere collegata a una difterite;
  • Potrebbe essere collegata a una malattia chiamata di Lyme;
  • Potrebbe essere collegata a una forma di botulismo;
  • Potrebbe essere collegata al virus Herpes Zoster;

Potrebbe trattarsi di patologie di natura autoimmune, tra queste abbiamo:

  • Potrebbe trattarsi della sindrome di Guillain Barrè;
  • Potrebbe trattarsi di una forma di polineuropatia di natura infiammatoria con carattere cronico;
  • Potrebbe trattarsi di una forma di Lupus eritematoso sistemico;
  • Potrebbe trattarsi di una sindrome chiamata di Sjogren.

Parlando invece di malattie di natura ereditaria, potrebbero esserci:

  • Potrebbe trattarsi della malattia di Charcot Marie Tooth;
  • Potrebbe trattarsi della sindrome di Roussy Levy;
  • Potrebbe trattarsi della sindrome di Refsum.

Potrebbe trattarsi di una forma di esposizione ad agenti nocivi quali:

  • Una terapia a base di chemioterapici;
  • Potrebbe essere una problematica legata ad specifici antibiotici;
  • Potrebbe essere collegato ad antiepilettici.

Possibili complicazioni

Quali possono essere le complicazioni in tal senso? Si tratta in tal senso di complicazioni che sono numerose, molto dipende da quali sono i nervi coinvolti, in ogni caso tra quelle maggiormente frequenti ricordiamo:

  • Potrebbe trattarsi di ustioni;
  • Potrebbe trattarsi di processi di natura infettiva;
  • Potrebbe essere la conseguenza di una caduta.

Ulteriori complicazioni in tal senso potrebbero essere:

  • Potrebbe trattarsi del piede diabetico;
  • Potrebbe trattarsi di una problematica definita disautonomia di natura cardiaca. Si tratta di una problematica che in quanto tale può causare un’alterazione in quello che risulta essere il ritmo di natura cardiaca. Si tratta di una problematica seria? Si, potrebbe indurre una tale aritmia da portare il paziente al decesso.

Processo diagnostico

Quale risulta essere il corretto iter diagnostico in tal senso? La procedura prevede:

  • Quella che viene definita anamnesi. In tal senso il medico interrogando il paziente, cercherà di capire quale sia la sintomatologia che riguarda il medico. Successivamente si procederà a un esame di natura neurologica nel quale il medico esaminerà:
  1. Si valuterà quale possa essere la sensibilità di natura cutanea;
  2. Si valuteranno i riflessi alla zona dei tendini;
  3. Si valuteranno eventuali alterazioni legate al movimento;
  4. Verranno effettuati degli esami del sangue;
  5. Questi dovranno servire a valutare i livelli di glicemia, i livelli di plasma di vitamine del gruppo B;
  6. Problematiche di natura renale e del fegato;
  7. Indici di natura infiammatoria;
  8. Il paziente potrebbe essere sottoposto a esami di natura genetica per specifiche neuropatie;
  9. Potrebbe essere legato a esami di diagnostica relative a immagini;
  10. Il paziente potrebbe essere sottoposto a elettromiografia;
  11. Il paziente potrebbe essere sottoposto a una biopsia di uno dei nervi relativi alla cute.

Approcci terapeutici

Quali possono essere in tal senso gli approcci terapeutici adeguati? Ad oggi non esiste una cura specifica per i sintomi delle neuropatie periferiche, tuttavia si può fare in maniera tale da migliorare i sintomi che il paziente lamenta, tra questi abbiamo:

  • Per i dolori definiti neuropatici, al paziente potrebbero essere prescritti antiepilettici, antidepressivi, oppioidi come la morfina;
  • Per le problematiche di natura muscolare potrebbero essere prescritti trattamenti di natura fisioterapica;
  • Per la nausea o il vomito potranno essere prescritti al paziente farmaci antiemetici;
  • Per cercare di ridurre l’entità del danno di natura nervosa, si potranno prescrivere:
  1. Per il diabete farmaci per tenere sotto controllo la glicemia;
  2. Per malattie autoimmuni si potranno prescrivere corticosteroidi e immunosoppressori;

Testicoli piccoli cause