Sbiancare denti bicarbonato:come utilizzarlo

Sbiancare i denti con il bicarbonato conviene? Avete delle fastidiose macchine sui denti dovuti magari al bere il caffè, il thè o fumate? Tutti motivi per cui il vostro sorriso potrebbe risentirne. Ricordatevi come prima cosa di avere una buona igiene orale, è fondamentale mantenere sano il cavo orale.

Il bicarbonato di sodio è da sempre considerato un rimedio veramente efficace per eliminare macchie o imperfezioni dallo smalto dentale. Viene infatti utilizzato per sbiancare i denti sia nell’ambito medico professionale, sia nell’ambiente domestico.

La prima cosa importante da dire è che se praticate il fa da te, dovete stare molto attenti al dosaggio, serve utilizzarlo nel modo giusto, quindi con un dosaggio che sia corretto.

Conviene sbiancare i denti con il bicarbonato?

La prima cosa importante da dire è che anche nello sbiancamento di tipo professionale, viene utilizzato uno spray composto da acqua, aria e bicarbonato di sodio. Per riuscire a ottenere risultati sul dente, viene applicato sul dente producendo una certa pressione.

Tramite i cristalli dei quali è composto il bicarbonato, viene di fatto sfruttata la sua azione abrasiva, questa restituisce un buon grado di lucentezza alla nostra dentatura.

Questo metodo che viene utilizzato negli studi professionali, sia quello più naturale e sicuro per il paziente, si evita completamente di ricorrere ad agenti chimici che con il tempo possono compromettere in maniera seria la qualità dello smalto.

Si può utilizzare il bicarbonato a casa?

Se utilizzate il bicarbonato a casa, con una frequenza corretta, che non superi una volta alla settimana, lo potete sfruttare come una sorta di dentifricio.

Tuttavia il trattamento professionale è sempre consigliabile, infatti è molto più efficace di quello tradizionale, e ha una durata molto maggiore, andiamo anche a spiegare il perchè.

La pressione esercitata sui denti è molto maggiore, rispetto a un trattamento di tipo manuale, di conseguenza abbiamo risultati molto migliori. Bisogna poi dire che l’intervento di un professionista competente e preparato, può in alcuni casi essere decisivo per determinate tipologie di problematiche.

Esistono controindicazioni all’utilizzo del metodo casalingo?

In linea di massima, osservando le giuste regole, e utilizzando il bicarbonato una volta alla settimana, non ci sono particolari controindicazioni. L’unico rischio a cui si va incontro nel farne un utilizzo casalingo è quello di non strofinare i denti nella maniera più corretta.

Il movimento deve essere estremamente delicato, questo per evitare di danneggiare i denti con un eccessivo strofinamento. Nel caso cui, il soggetto che utilizza il bicarbonato utilizza magari uno strofinamento troppo accentuato, si può andare incontro a problematiche di varia natura.

Le problematiche alle quali possiamo andare incontro nel caso di un eccessivo sfregamento da parte nostra con il bicarbonato sono le seguenti:

L’alterazione della normale flora batterica presente all’interno del cavo orale, il sanguinamento delle gengive, o magari un’infiammazione alla bocca che tende a peggiorare il livello di sensibilità dentale che abbiamo.

Il metodo casalingo è ottimo per intervenire sulle cause non profonde, quando parliamo di macchie superficiali. Se invece si parla di problematiche più profonde, serve allora un intervento specifico.

Esistono pazienti più a rischio di altri?

Se utilizzate il metodo dello sbiancamento in maniera scorretta, ci potrebbero essere delle controindicazioni per quei pazienti che avendo magari patologie presenti già prima del trattamento presentano magari un ph orale già fortemente compromesso.

Parliamo di patologie come ipertensione, insufficienza renale, o persone che magari assumono determinati farmaci.

Per evitare di affrontare disturbi ulteriori, è bene in questo caso rivolgersi a uno specialista che valuti lo stato generale di salute dei denti per poi predisporre il trattamento più adeguato.

Metodologia per farlo da soli

Per correttezza di informazioni, abbiamo segnalato il caso in cui, causa sanguinamenti dentali, problemi di vario genere, assunzioni di farmaci, sia consigliabile rivolgersi a un centro specializzato che si preoccupi di trovare la metodologia corretta per sbiancare i vostro denti.

Nel caso in cui non abbiate questi problemi, vi illustriamo ora il modo in cui farlo a casa in maniera corretta. Per prima cosa dovete bagnare lo spazzolino da denti e immergerlo in una quantità di bicarbonato.

Poi dovete lavarvi i denti per almeno due minuti, stando molto attenti, infatti dovete riuscire a raggiungere ogni singolo dente e lavarlo per bene. Se desiderate ottenere un’azione sbiancante ancora più efficace, dovete bagnare lo spazzolino con perossido di idrogeno al posto della normale acqua.

Limitatevi come detto in precedenza all’utilizzo una volta alla settimana, più che sufficiente. Soprattutto evitate un utilizzo troppo energico, che potrebbe anche darvi problemi di sensibilità dentale.

Considerando il tuo tradizionale utilizzo come agente sbiancante e lucidante, legato all’azione dei cristalli che lo compongono, il bicarbonato di sodio è un ingrediente sicuro.

Chiaramente, deve essere utilizzato nelle giuste dosi e secondo corrette modalità di uso.